Home » il dono
squirting

il dono

Un dono che poche donne hanno… lei squirta… non sempre, ma solo quando è molto eccitata: per la situazione oppure dopo una lunga e lenta stimolazione con la lingua e un dito sapientemente inserito nella fica. E’ veramente un dono, un regalo bellissimo che lei fa al suo lui.

Un dono incredibilmente eccitante, che lui brama avere al punto da cercare di riprodurre quella bellissima sensazione di liquido caldo addosso, sul cazzo… in bocca.
Ma è impossibile riprodurre fedelmente il Dono.

Il pensiero però lo eccita a tal punto da provarci …prima con se stesso. A volte in doccia o nella vasca si schizza addosso, sulla pancia e fino in bocca , chiudendo gli occhi e lavorando di immaginazione erotica, il proprio liquido caldo, pipì chiarissima dopo aver bevuto molto, e assaporando quello scroscio che ricorda il Dono, assumendone perfino l’odore e il sapore. Il cazzo diventa duro al solo pensiero, ancora prima di farlo. E’ eccitantissimo sentire il liquido caldo che raggiunge le labbra e cola lungo il petto.
Vorrebbe che anche lei , quando può, le facesse provare la stessa sensazione. In questo caso non alla fine o durante , come quando squirta in modo fantastico , ma prima..come prodromo ad una scopata coinvolgente e passionale. Non voleva confessarlo a lei ma , per la totale condivisione dei pensieri, anche quelli più porci, ha deciso di farlo e lei, tra lo stupore e la curiosità ha detto che ci proverà.

” se ti piace, ma non farlo a me!”

Il lungo viaggio li aveva condotti ad un bel ristorante sul mare. Un buon pranzetto accompagnato da un vino fresco frizzante.
Dopo il caffè, Lei affermò di dover andare al bagno, perché durante il viaggio non si ernao mai fermati . Lui le disse di aspettare facendo l’occhiolino; a breve sarebbero andati in albergo e lui aveva tanta sete! Lei lo guardò complice ed il cazzo di lui si indurì all’istante.

Il percorso in auto fino in albergo pareva non finire mai, così come le pratiche di accettazione.
Finalmente in camera lui si spogliò velocemente, andò in bagno e si accucciò nella doccia, in una posa forse anche un po’ ridicola. Lei lo seguì e lo guardò con aria interrogativa ma terribilmente eccitata.

“Vieni, sto aspettando la tua pioggia dorata, mi eccita, al pensiero di quando mi squirti addosso. “

Lei lo sovrastò e , riversò la sua pipì sul suo corpo e in bocca , mentre lui si masturbava selvaggiamente . Lo scroscio fù abbondante e , senza che lui la bevesse, gli riempì la bocca e colò lungo il petto giù fino al cazzo. Aveva un buon sapore ed odore;gli umori di lei mischiati a ciò che usciva dalla vescica. La doccia fu aperta e l’acqua calda si mischiò alla piscia, mentre lui a sedere nella vasca la leccava sempre più profondamente, scopandola con la lingua e attirandola a sé con le mani affondate nei glutei.

Quando l’eccitazione raggiunse l’apice, si spostarono in camera. Il letto era grande e con belle lenzuola bianche. Lei ,porca ed infoiata , prima prese il cazzo in bocca succhiandolo avidamente e ricoprendolo di saliva, poi si mise a pecorina incitandolo a scoparla; lui la montò con violenza finché lei non venne una prima volta. Poi la fece girare supina sul letto e allargandole le gambe ricominciò a leccarle al fica e il buco del culo, già morbido e pronto a ricevere il cazzo grondante di umori. Era giunto il momento più atteso. Il momento del Dono. Le mise il cazzo nel culo e già dopo poche pompate lei cominciò a squirtare, spruzzando il suo getto caldo sul cazzo e sulla pancia di lui. La girò di nuovo e lei si mise a pecorina in terra con il petto appoggiato al letto. Lui la pompava da dietro massaggiandole il clitoride… questa volta vennero insieme..lui le inondò il culo di sborra calda..lei squirtò di nuovo con uno scroscio potente che lui senti colare lungo la mano e creare una pozza cristallina sul pavimento.

squirting